LA VERITÀ SULL'OLIO D'OLIVA

Oliod'Oliva.jpg

La scelta dell'olio d'oliva dovrebbe essere tanto importante quanto lavarsi i denti ogni giorno. È tanto complesso quanto il vino, che varia per regione non solo dell'Italia, ma anche del mondo. Ecco un segreto: l'olio d'oliva non fa male a te. Ho scoperto che è una delle cose più salutari che posso dare al mio corpo. Ciò che è male per te, però, sono gli oli d'oliva di merda assoluta che i negozi di alimentari statunitensi sono afflitti da. Se c'è una cosa che non dovresti mai e poi mai meno, è l'olio d'oliva.

La nostra azienda è stata coinvolta in questa ricerca e ha partecipato attivamente fornendo il nostro olio extravergine di oliva, indicando anche le famiglie di Canino che erano abituate a consumare olio in cucina per verificare gli effetti sulla salute della nostra popolazione. La ricerca è stata condotta anche sulle popolazioni del nord Europa e nei paesi scandinavi, che usano solo "grassi animali". Quella ricerca ha dimostrato la superiorità assoluta dell'olio extra vergine di oliva, dimostrando che le persone che lo usano sono molto meno colpite dalle malattie cardiovascolari. Questa superiorità è dovuta alla presenza di acido linoleico nell'Olio Extra Vergine di Oliva che previene dalle malattie cardiovascolari e dal colesterolo, danneggiando il sistema circolatorio e diminuisce la formazione di alterazioni sclerotiche. Il consumo giornaliero di olio extravergine di oliva, insieme ad una dieta sana, può aiutare a prevenire tumori come il cancro al colon e al seno. L'olio extravergine di oliva, oltre ad essere un grasso digeribile, è ricco di vitamina E, polifenoli, fitosteroli e carotenoidi che hanno un effetto protettivo sul corpo bloccando i radicali liberi, principale causa dell'invecchiamento cellulare.

Frantoio Archibusacci

Come acquistare olio di qualità:

  1. 'Extra Virgin' non è una garanzia di qualità. Significa solo che è stato premuto, quindi non lasciare che questa influenza ti acquisti la decisione.

  2. da dove viene? La bottiglia può dire "organico, naturale, 100% olio d'oliva puro, ecc., Ma poi leggi l'etichetta per scoprire che si tratta di una miscela di olive quasi scadute provenienti da tutto il mondo. Se dice "Olive dall'Unione europea", non va bene . Tu vuoi il 100% da una regione (non deve essere l'Italia, può essere la Spagna, la Grecia, la California, ecc. Io uso l'italiano solo per la sua accessibilità e amo i sapori di ogni regione) Dovrebbero esserci timbri certificati dei suoi vera origine. Controlla le etichette certificate:

    1. Il marchio "Denominazione d'origine protetta" della DOP dell'Unione europea

    2. Il nuovo francobollo italiano di qualità 100% italiano

    3. "Extra Virgin Seal" della California Oil Oil Commission per gli oli California

    Altre certificazioni critiche:

    Dal sito di Eataly :

    “IGP

    Indicazione Geografica Protetta (Indication of Geographic Protection)

    L'etichetta IGP mostra che la qualità o la reputazione del tuo cibo o condimento è legata al  luogo o alla regione in  cui è prodotto, elaborato o preparato.

    DOP (PDO in English)

    Denominazione d’Origine Protetta | Protected Designation of Origin

    L'etichetta DOP garantisce che il formaggio, il prosciutto, l'olio d'oliva, ecc. Preferiti, siano prodotti, lavorati e confezionati in una specifica zona geografica e secondo la tradizione. Ogni fase, dalla produzione alla confezione, è regolata.

  3. Controllare la data di raccolta o la data di scadenza. L'olio d'oliva, come ogni materiale di consumo, scade! Ho visto troppo spesso la bottiglia che si trova sul bancone di tutti per sempre. È meglio consumare entro 1 anno dalla data del raccolto. Se non è filtrato, è meglio consumarlo in 1-3 mesi di pressatura.

  4. Vai ad una degustazione !! Un buon olio d'oliva dovrebbe quasi soffocarti quando sorseggiato crudo.

Come usarlo:

Mi vedi predicare di diversi oli di oliva costantemente su instagram. Darò una ripartizione degli oli nella mia collezione in crescita, e perché li uso nel modo in cui lo faccio, sperando che possa aiutarti a prendere una decisione quando fai acquisti. Inserisco link a ciascun produttore per nutrire ulteriori curiosità.

Sicilia I.G.P

L'olio d'oliva siciliano ha un gusto deciso, robusto e pepato. Lo uso solo per arrostire verdure e pesce e non riempire mai qualcosa come un'insalata. Questo mese ho olio da PrimOli , un produttore biologico della Sicilia.

Altri eccellenti oli di oliva per cucinare si possono trovare in Puglia, dove sono un po 'più luminosi e più verdi, ottimi per cucinare verdure, pesce e carne. Ancora una volta, mai per il topping.

Olio d'oliva toscano

Essendo al centro dell'Italia, la Toscana ci offre un equilibrio tra i sapori robusti e speziati del sud e i sapori delicati e nocciola del nord. Questo sarebbe un buon olio per avere il più vicino possibile a "tutti gli scopi". Lo uso per cucinare pasta, verdure, carne, pesce, cereali, falafel, tagine, vino. Ma ancora: niente topping! Solo cucina. Ecco perché ho il grande contenitore da 3 L di Campo Ruffaldo , un agriturismo (BnB agricoli in Italia).

Olio d'oliva ligure

Il contrario degli olii siciliani, ma uno dei miei preferiti in assoluto. È burrosa, opaca, liscia, delicata e fa da perfetta compagna per condire insalate, verdure, pasta, pesto e pane. Io uso anche olii liguri per infusione (come mettere peperoncino secco, limone conservato o erbe). Ho usato due tipi di oli liguri esclusivamente per gusto. Un olio filtrato della regione delle Cinque Terre, confinante con la Toscana, da una cooperativa Villata di Levanto . L'altro da Raineri a Chiusanico, che confina quasi con la Francia, un olio non filtrato più dolce e leggermente più vivace.

Oli di oliva non filtrati

L'olio non filtrato deve essere sempre utilizzato solo per la copertura e mai per la cottura. Preferisco di gran lunga un olio d'oliva non filtrato per insalate e condire verdure o pasta rispetto a un olio filtrato. Perché? Olio non filtrato significa la quantità ottimale di preziosi antiossidanti e composti fenolici possibili. Durante il mio recente viaggio di lavoro in Toscana, ho preso una bottiglia da un piccolo produttore Frantoio Archibusacci , che ha una bella descrizione del loro processo sul loro sito. È verde brillante, quasi neon, erboso, corposo, e per mancanza di parole migliori: dannatamente bene.

Dove acquistarlo:

Se non riesci a trovarlo nel tuo negozio di alimentari, gastronomia o gastronomia, vai a Eataly! Fai un viaggio fuori di esso, anche. Offrono degustazioni di olio d'oliva e corsi di cucina, e il loro staff ha una ricchezza di conoscenza quindi fai domande!

Come conservare l'olio d'oliva:

In un luogo fresco e buio, sempre in una bottiglia scura. Ho alcune bottiglie di vetro, ma è perché le uso troppo in fretta per consentire danni da fare, e sono sempre conservati nel mio armadietto inferiore.

Dove ho ottenuto le mie informazioni:

One of my favorite cookbooks, Autentico by Rolando Beramendi.

Produttori di olio d'oliva in tutta Italia.

Chat live con i produttori al Salone del Gusto di Torino.

Degustazioni.

Alyssa D'AdamoComment